CoM – Il Blog di Carlo Becchi Compreresti un Raggio della Morte usato, da quest'uomo?

27apr/076

Neuros OSD chiede aiuto agli Hacker Apple TV

Neuros OSD, l'interessante Sex-Top box del quale vi ho già parlato, chiede aiuto agli attivi hacker di Apple TV per migliorare il sistema televisivo di nuova generazione, completamente open source.

I punti essenziali dell'appello possono riassumersi così

  • Con Apple TV si sta facendo un gran lavoro di hacking
  • Neuros accoglie volentieri chiunque voglia contribuire alla sua crescita
  • La transizione ad IPTV può rivoluzionare il modo di percepire il media televisivo, ma è necessario che i sistemi aperti abbiano sufficiente spinta per essere appetibili e spezzare il controllo dei grandi attori nel mercato mediatico
  • Con sistemi aperti la fornitura di contenuti televisivi diventa accessibile a tutti, come lo è in rete (Neuros OSD da sempre punta a portare in salotto i servizi web di condivisione video [ndCarlo]).
  • La risposta a queste esigenze è un set top box economico, silenzioso e privo di tecnologie proprietarie.

Sottoscrivo.

L'appello in inglese si trova qui.
[Via BoingBoing]

Inserito in: Hardware 6 Commenti
4apr/0723

La triste storia di Paquito (Intel Dot.Station)

paquito sventratoE' l'ultima rarità arrivata al museo All About Apple, nonché il mio primo "restauro".
Il suo nome è Intel Dot.Station, ma lui preferisce farsi chiamare Paquito.
E' arrivato al museo completamente sventrato, nella sua scatola originale. Senza processore (Celeron 300), memoria e hard disk... povero... : - (
paquito budella

paquito cornetta telefonicaProdotto nel 2000 è un clone minimale dell' iMac, non ha memorie di massa esterne ed è stato pensato come un network computer, più simile come target ad un videotel che ad un vero eè proprio PC.
Il nostro modello è spagnolo e lì era venduto con il nome di "Paquito", ma dubito che abbia avuto grande successo.
Come si vede dalle foto a lato ha addirittura la cornetta telefonica integrata.

E' stato disposto temporaneamente vicino agli iMac, in attesa di una posizione più consona dal momento che il percorso espositivo non comprende macchine non Apple ad esclusione, per ovvi motivi, del NeXT.
(Ok, non è vero. Il museo ha molte macchine non Apple lungo il percorso, soprattutto nell'era pre-Windows, come si vede in questa foto che ho scattato io stesso, è che non volevo rendere la storia del piccolo Paquito troppo tragica, in realtà nessun computer... neppure il Mattel Aquarius sembra voler volere il nostro omino coraggioso come vicino! Volevate la tragedia? Accontentati! ; - ))
L'idea è di usarlo in futuro per mostrare quanto il design innovativo di quest'ultimi abbia generato aberranti cloni.

paquito e imacLui cerca di fare amicizia, ma viene snobbato e ostracizzato dai coloratissimi iMac, solo perché è un clone piccolo, brutto (orribile) e blu scuro.

Lui dice - "Ma guardatemi! Ho la scritta intel dappertutto! Avete mai visto un pc prodotto direttamente da intel? Anche io ho valore storico!" - ma nessuno lo ascolta.

Gli iMac lo irridono dall'alto del loro design e del loro successo, "Ma guardati, non hai neppure un CD-Rom! Senti che bella musica esce dalle nostre casse! Tu non hai più la CPU! Non riesci neppure ad accenderti!".

E il piccolo Paquito, nel suo angolo buio, piange.
Salvate il povero, piccolo Paquito! Magari avete un Celeron 300A (Mendocino) da qualche parte inutilizzato! O un modulo PC-100 o PC-66 (ma questa forse la troviamo noi) da donare a questo cucciolo spaesato! Scrivete al museo! Venite a trovarlo! Lui vi aspetta a cornetta aperta!

Maggiori informazioni su Intel Dot.Station.
Tutte le foto del restauro del piccolo Paquito.

; - )

Inserito in: Hardware 23 Commenti
15gen/074

Finita la guerra Blu-Ray Vs HD DVD

L'industria del porno, riunita in concomitanza con il CES, nell' Adult Entertainment Expo, ha fatto la sua scelta: HD-DVD. : - )
Costa meno.

Inserito in: Hardware 4 Commenti
15gen/0714

CES 2007 – da WowWee Flytech Dragonfly la libellula robotica: il primo ornitottero commerciale!

Presentato al CES 2007 il primo robot volante commerciale (ok, un giocattolo), a sfruttare la struttura dell'ornitottero (macchina volante che usa come propulsione lo sbattere delle ali, mimando la natura)
Creato da WowWee, i tipi dietro Robosapien e altri giocattoli robotici, ha le fattezze di una libellula (dragonfly), costerà pochissimo (circa 40 $) e avrà in dotazione un paio di ali ed una coda di ricambio.
Ecco i video del robot in azione:

Davvero bellissimo! ; - ) (voglio anche il robosapien gigante del secondo video! : - D)
Inserito in: Hardware 14 Commenti
9gen/078

Novità da Apple: iPhone e Apple TV

Di corsa, che sono solo di passaggio, ma la Apple ha finalmente svelato l'iPhone e l'Apple TV (il set top box noto come iTV fino ad ora).
Solo due considerazioni: Apple ha fatto con OS X ciò che Linux prova da fare da tempo: una versione (credo) ridotta per cellulari che (presumibilmente) avrà buona diffusione. Davvero ambizioso. In bocca al lupo! (però esteticamente non mi piace troppo, a voi?)
L' Apple TV è un bel aggeggio, se si potesse installare linux (non per campanilismo, ma per ottenere un po' più di libertà nei formati riprodotti, che probabilmente non sarà così ampia) sarebbe ancora più interessante.

Per ogni considerazione seria attendo di ascoltare la conferenza per intero, che solitamente viene inserita in versione integrale nel feed di Engadget Podcast.

Ciao!

Inserito in: Hardware 8 Commenti
28dic/064

Bel tentativo…

... ma la prossima volta impegnatevi di più, ok?
Fair Use HD, stiamo arrivando! ; - )

Inserito in: Hardware 4 Commenti
27dic/0617

Recensione Neuros OSD – il media player/recorder open source

Neuros OSD mediaplayerNeuros OSD è stato uno dei "piccoli computer" protagonisti di TAT n°14.

Questo dispositivo piccolo ed economico è un media center/recorder, basato su processore ARM9 sul quale gira un kernel Linux 2.6.

Ad un prezzo molto aggressivo di 230 dollari questo mini computer si rivela un concorrente temibile per i comuni DVD recorder stand alone.

Neuros OSD è in grado di registrare in MPEG4 ad una risoluzione massima di 720x480 a 30 frame al secondo (niente HD quindi) ma è possibile selezionare risoluzioni inferiori per generare automaticamente file ottimizzati per la fruizione "mobile" su iPod, PSP, palmari e cellulari.

Neuros OSD è privo di memoria di massa, e questo a mio avviso è un bene, permettendo di personalizzare al massimo l'impianto. L'OSD può registrare e riprodurre file da qualunque dispositivo ad esso connesso: hard disk esterni su USB, schede di memoria di ogni tipo (CF, MS, SD, MMC) oppure attraverso una connessione di rete.
Chi ha un media server preferirà quest'ultima soluzione con una gestione centralizzata dei media, chi vuole un dispositivo silenzioso utilizzerà le schede flash e così via.

Attraverso /. scopro una recensione di Neuros OSD su linuxlookup.

Il recensore divide il suo articolo in due parti, una dedicata allo sviluppo del software open souce che gestisce il media player ed una dedicata ad una prova su strada.

Al momento della registrazione è possibile scegliere il formato video ed il supporto di memorizzazione stimolando illimitati scenari d'uso. Per quanto riguarda il formato video sono disponibili preset per i maggiori dispositivi portatili. Ad esempio se si desidera registrare qualcosa che si vorrà vedere in treno sulla propria Sony PSP si può scegliere il relativo formato e la memorizzazione su memory stick.

Nonostante il condivisibile entusiasmo, il recensore si è dimostrato molto franco nel valutare le reali possibilità del dispositivo, che dal punto di vista dell'utente è praticamente inutilizzabile.
L'autore ha avuto problemi praticamente in ogni settore della riproduzione video.
La qualità è scarsa, ci sono problemi con il widescreen, e l'audio è mal sincronizzato con il video quando si selezione il profilo di massima qualità.

Ciò sarebbe disastroso per un qualunque prodotto audio/video, ma dal momento che sia il sistema operativo che le applicazioni del Neuros OSD sono open source questi problemi si traducono nella semplice necessità di attendere uno sviluppo più completo da parte della comunità che sta lavorando al progetto.
Le possibilità di sviluppo futuro sono molto elevate e il prezzo contenuto può rendere questo prodotto uno dei più promettenti del 2007.

Inserito in: Hardware 17 Commenti
8nov/062

Tostapane Digitale

Credevo di avere fatto una battuta in TAT # 14 parlando del computer che assomiglia ad un tostapane avveniristico.

Mi sbagliavo...

Tostapane digitale Morphy Richards 44072

Fonte: il volantino dell'Ipercoop che mi è arrivato oggi! ; - )

Ah, servissero i driver per linux...

28ott/069

Non tutti i VIP usano l' iPod

Non ho mai posseduto un iPod perché lo ritengo poco adatto ad uno come me che mal si adegua ai programmi proprietari.
Mi trovo spesso a riorganizzare i miei file e a trasferirli sul lettore portatile in tanto modi, mediante software di terze parti, da gestione risorse di Windows, da Linux e qualche volta anche da linea di comando.
Finché Apple non renderà il suo player gestibile come un disco USB Mass Storage anche per la musica, niente iPod per me.

Mi fa piacere che, in un periodo in cui "Lei usa l'iPod?" è diventata una domanda da fare persino ai politici durante le interviste, qualcuno che conta nel mondo delle nuove tecnologie condivida una certa allergia alle soluzioni integrate imposte dai produttori (e questo varrà anche per lo Zune, ovviamente).

Mauro Lupi ha inserito nel suo blog una bella recensione preliminare dell'originale Samsung K5 che sostituisce il suo vecchio Zen Micro. In quest'ultimo post vi sono, senza dubbio, le considerazioni più interessanti.

Per gli stessi motivi, quando il mio vecchio Thompson mi lascerà, credo passerò ad un Sandisk (si, si ancora per la storia di Rockbox...) ; - )

Inserito in: Hardware 9 Commenti
5ott/06249

I migliori video del cane robot Sony Aibo.

A beneficio degli ascoltatori della 13a puntata di Tecnica Arcana Telegrafica (scarica ora | abbònati) ecco una selezione dei filmati più rappresentativi del funzionamento del cane robotico Sony Aibo.

1) Ideale punto di inizio è questa videoguida all'assemblaggio e uso di Aibo. Molti degli elementi citati nel podcast, come batteria, memory stick e stazione di ricarica sono visibili in questo video. Il protagonista è della serie 7, l'ultima realizzata:


2)
Questo è ERS-220 in fase di accensione. Ditemi voi se non sembra uscito da Star Wars!


3)
Effusioni fra un Aibo Serie 200 ed uno "stile cartone" della famiglia 3xx (entrambi seconda generazione):

4) Giochetti di un serie 7, alcuni davvero notevoli! Riporta a posto la palla sulla base di ricarica (notate i pattern ad alto contrasto per facilitarne l'individuazione) e gioca con l'osso di gomma.

5) Un Aibo serie 7 davanti ad uno specchio. E' solo una curiosità, non cercate implicazioni filosofiche... ; - )

6) Questa è proprio buffa! : - ) Aibo scrive a macchina...

7) Non tutti gli ordini vocali vengono recepiti!

8) Aibo affamato cerca la sua stazione di ricarica

9) Robocup: notate l'incredibile velocità di azione rispetto agli altri filmati e la postura rasoterra. Credo che quest'ultima sia utilizzata per evitare che la palla finisca in mezzo alle gambe di Aibo: da altri video presenti su youtube, si evince che questa situazione genera confusione nel robot.

10) Non su youtube, ma scaricabile in wmv, il toccante filmato di un Aibo seconda serie colpito dalla letale DHS (Droopy Head Syndrome) della quale abbiamo discusso nel podcast. Non è commovente, quando chiede di essere resettato? Povero.... : - (

Inserito in: Hardware 249 Commenti
Rss Feed Tweeter button Facebook button Youtube button