CoM – Il Blog di Carlo Becchi Compreresti un Raggio della Morte usato, da quest'uomo?

29ott/074

Halloween in Metal a Varazze con i Broken Plan

Vi racconto una specie di favola.

Una sera, questa estate, camminavo con un amico per la splendida passeggiata di Albissola quando notiamo un volantino di una sedicente "Festa della Birra" con musica Heavy Metal organizzata da un locale stabilimento balneare (S. Antonio). Entrata libera senza consumazione obbligatoria. Come dire: "scemo chi non ci fa almeno un salto".

Organizziamo un gruppettino di amici amanti di almeno una delle due attrattive (musica e dolce dolce birra) e ci presentiamo.
La prima impressione è buona. Nonostante l'età media sia probabilmente under 18, almeno quanto noi eravamo probabilmente : - ) over 30: nella terrazza dei bagni c'è il "palchetto" (in realtà non era un palco rialzato) in fondo con l'inevitabile gruppo di fedelissimi intenti a pogare. Vicino all'ingresso sono disposte le spine della birra a prezzo onesto, la brace per chi desiderava mangiare e addirittura un cabinet col MAME.

Ma i veri protagonisti della serata sono stati i BROKEN PLAN, giovane cover band Savonese dotata di un'energia e di un sound tale da spaccare il granito.
Tecnica eccellente, repertorio di grandi, grandissimi classici: dagli Iron Maiden ai Mothorhead, dagli Helloween ai Manowar è facile farsi coinvolgere anche grazie alle innegabili e probabilmente innate doti canore e alla notevole simpatia del frontman Ivan.

Insomma tra birra e cori il giorno dopo non riesco più a parlare.
La sera successiva ci troviamo con Cyber e Alberto a casa del primo, sempre ad Albissola. Neanche a dirlo il dinamico duo è incuriosito dalla mia totale afonia.
Con un po' di vergogna data l'età ; - ) racconto la vicenda, specificando quando fosse impossibile non cantare a squarciagola quando sul palco ci sono i Broken Plan.

Se il mondo è piccolo, la Liguria lo è ancora di più: il batterista TOXI è un vicino di casa di CyberChef - gli farò sapere che hai apprezzato il concerto - mi dice.
- Se mi manda un'email con qualche dato, scrivo anche un post! - gli rispondo.

Halloween in Metal Ed ecco, pochi giorni dopo che TOXI mi comunica che la notte di Halloween E - ) suoneranno dalle 22 a Varazze (SV) al Takabanda, insime ai Kartilage (Grindcore) e agli Youthanasia (Trash).

Se siete dalle mie parti o cercate qualcosa di bello da fare per la magica notte di Halloween, i BROKEN PLAN sono garanzia di intrattenimento e di una notevole usura delle corde vocali.

I Broken Plan sono: IVAN(vocals) TOXI(drums) JAN(guitar) Rebba(bass)

Il loro sito MySpace contiene le date ufficiali, molte foto ed anche un breve video (purtroppo l'audio è così così ma la classe traspare!) nel caso non vi fidaste delle mie parole:

http://www.myspace.com/brokenplan

La pagina di Toxi, che ringrazio per le informazioni che mi ha fornito è invece questa.

Inserito in: Musica 4 Commenti
2gen/0794

Ed ora un po' di sana blasfemia!

La H.P. Lovecraft Historical Society ha prodotto due meraviglie musicali: una coppia di CD di canzoni "natalizie" ma dedicati a divinità meno rassicuranti del neonato Salvatore, che rispondono ai nomi di Shub-Niggurath, Yog-Sothoth, Azathoth e ovviamente, l'onnipresente Cthulhu.

La copertina di An Even Scarier SolsticeI due CD, A Very Scary Solstice e An Even Scarier Solstice, sono capolavori che non si limitano a sostituire "Merry Christmas" con "Scary Solstice" nei canti tradizionali, ma presentano testi che non potranno che esaltare gli amanti delle opere dello scrittore di Providence.

E' con preoccupante naturalezza che "Joy to the World" diventa "Death to the World"; "Jingle Bells" si trasforma in "Cthulhu lives" ed in "I Saw Mommy Kissing Santa Claus" il simpatico portatore di regali viene divorato e sostituito dall'agglomerato bubbonico e divino noto come Yog-Sothoth.

Un esempio di cotanto genio musicale, degno dell'arabo pazzo Abdul Alhazred, ci viene da Carol of the Old Ones che potete scaricare ed ascoltare da qui, mentre seguite il testo:

Look to the sky, way up on high
There in the night stars are now right.
Eons have passed: now then at last
Prison walls break, Old Ones awake!
They will return: mankind will learn
New kinds of fear when they are here.
They will reclaim all in their name;
Hopes turn to black when they come back.
Ignorant fools, mankind now rules
Where they ruled then: it's theirs again

Stars brightly burning, boiling and churning
Bode a returning season of doom

Scary scary scary scary solstice
Very very very scary solstice

Up from the sea, from underground
Down from the sky, they're all around
They will return: mankind will learn
New kinds of fear when they are here

Look to the sky, way up on high
There in the night stars are now right.
Eons have passed: now then at last
Prison walls break, Old Ones awake!
Madness will reign, terror and pain
Woes without end where they extend.
Ignorant fools, mankind now rules
Where they ruled then: it's theirs again

Stars brightly burning, boiling and churning
Bode a returning season of doom

Scary scary scary scary solstice
Very very very scary solstice

Up from the sea, from underground
Down from the sky, they're all around.

Fear

(Look to the sky, way up on high
There in the night stars now are right)

They will return.

Diciamocelo francamente, esiste modo migliore per concludere queste feste, che passarle in compagnia di Azathoth, il dio cieco e demente che gorgoglia e bestemmia al centro dell'universo?

Maggiori informazioni, altri testi e sample delle canzioni si possono trovare direttamente in questa pagina.

Ph'nglui mglw'nafh Cthulhu R'lyeh wgah'nagl fhtagn!

[Scoperto tramite Pseudopod, il podcast di racconti horror del quale vi ho già parlato]

Inserito in: Musica 94 Commenti
15nov/061

J'adore Both – En attendant d'aller sur Mars

Mai, ascoltando la prima puntata (antipodale alle mie abitudini musicali) del bel podcast di Andrea, avrei scommesso che proprio il Nissardo mi avrebbe fatto scoprire una gemma di mio gusto della musica Creative Commons ; - ) .
Non è il primo disco proveniente da Jamendo che adoro, e credo non sarà l'ultimo.

I Both sono assolutamente straordinari e cantano pure in francese, il che mi garantisce quell'aria colta e raffinata che ho sempre cercato e mai trovato nei ... Manowar ; - )

Impossibile imbrigliarli in un genere, io non me ne intendo molto e percepisco influenze rock, metal, pop anni 70-80, industrial, goth, folk, ska/punk, ma probabilmente chiunque ascolti lo spumeggiante En attendant d'aller sur Mars, troverà una sfumatura diversa e personale.

Nove pezzi di grandissimo valore, in Creative Commons, scaricabili e condivisibili liberamente.

Peccato per l'unica traccia totalmente in inglese (molto impastato) a mio avviso completamente superflua (la lingua d'Albione, non il brano che è ottimo). Ma si può biasimarli per aver inserito un manifesto alla speranza di fare il botto "worldwide"? Io credo di no.

Mentre visitate il loro sito ufficiale, dal pannello qui sotto potete cominciare l'ascolto o lo scaricamento via Bit Torrent o Emule. Sono seeder di Bit Torrent per questo disco, ed ho fatto un po' di fatica per scaricarlo.
Tenete e condividete questo album: è legale ed il primo supporto ad una band su Jamendo comincia così; se volete finisce poi con una donazione sulla loro pagina.

Ci sono due o tre canzoni in ogni album che colpiscono subito e quindi è meglio ascoltare per prime.
Io suggerisco la title track, Elles disent e... In vino veritas (sento puzza di nuovo inno per capodanno, in sostituzione del precedente, inarrivabile Drink! degli adorati TMBG ).

Ah dimenticavo... si ascolta meglio con Songbird! : - D

[Aggiornamento: questa me la sono dimenticata davvero... Andrea quando ha tempo traduce in italiano i pezzi che trasmette (grande idea!). La traduzione di "En attendant" la trovate qui, e merita davvero una lettura.]

Inserito in: Musica 1 commento
   
Rss Feed Tweeter button Facebook button Youtube button